CARNEVALONE LIBBERATO

PRINCIPIO

 

“O senti? Già principiano i tamburri,

poi l’organetti, le canzoni e i strilli!

Sta qua, do’ vai? Se a scapicollo curri

 

fenisce che te sfracchi ‘nsième a quilli.

Se tu te fai ‘gnottì da ‘sta fiumara

non ‘ndennerai più mancou certi assilli,

 

tantu recresce e tòna la caciara;

tra ‘n po’ vedrai rroprisse llu portone

(tant’è la gente ormai che non se para)

 

che spalancannose su ‘stu piazzone

farrà renasce un fatto ereticale:

quanno se libberò Carnevalone.

 

Quantu la storia sia ‘nticrelicale

appressu se dirrà, doppo li sfochi,

tempu che u Papa-Rre stéa ‘n Quirinale!  1

 

Mò zittu e mmisticamoce a li giochi”.

Così che mentre rebbattìa ‘a grancassa

e trombe e piatti faceano fiare e fochi,

 

tra l’urla e i sbattimenti de la massa

se ‘ntravvedeva, giù, ‘n fonnu au viale,

unu bammocciu ch’ammalappena passa

 

(tant’etè grossu) pe’ quillu stradale.

Lentu se mòve, avanti, tretticanno

come dovesse entra’ neu tribbunale,  2

 

magara sconoscènno che quist’anno

per issu propiu je s’acconcia ‘a festa:

la prima de quaresima e…ruganno.  3

 

Eccolu, ‘rriva; pe’ deqquà , fa’ lesta!

Guarda che fregnu buffu e se che faccia!

Certu, redduttu senza fa’ ‘na gesta,

 

com’è retrattu pare ‘na fregnaccia…

pozzi mori’ abbruciatu a te e lo tristu.

Imoje appressu a quessa sorte ‘e straccia.”  4

 

Mejo che a ‘n Santu de cartone pistu

dietro e de fianco ‘a gente se reccorse,  5

pe’ doppu reccunta’ quello ch’éa vistu

 

quanno campava e prima che se morse.

Ché quist’avvenimentu non se scorda

benanche u prete biastimanno o vorse.  6

 

E-‘ntantu che u bammocciu gira e svorda

piazza se rrémpie come fusse ‘n ovu,

mentre Sarrocco e u cane se revorda.   7

‘A  PIAZZA

 

“A senti? Rencomincia la fanfarra,

come se ‘n campanone i dà a battocchiu!”

Poi quanno o muciulà se fa gazzarra

 

perfino u Patreternu butta ‘n-occhiu  8

su ‘sta gran pipinara miscredente,

levanno e zeppe a strégne dallu trocchiu.  9

 

Piazza se scalla e pare ‘n gran serpente  10

che se revodica, se reccurcia e stènne,

ma tunnu-tunnu no’ remane gnente

 

che ‘ntorcinannose non pòzza offènne.

Bocca de piazza. Mò, compare u fregnu  11

rittu e ‘mmutitu, come chi repènne  12

 

da chi la fede nega pe’ l’ingegnu,  13

se mòve all’urdim’ora deu traggittu;

laddove u focu ‘ngondrerà lo legnu.

 

Qui, do’ u potente ‘nfrocia, e lu porittu

signore e giudice quist’oggi sguazza,

roppe le brije e stacca lu carrittu

 

sfracchianno u capo della malarazza;

ecco perciò che da ogni gente in giru

se sente sotto-sotto “Ammazza, ammazza!”  14

 

Prima lu prete manfruitu e niru

e appressu chi u codazzu tène a rregge;

sarrà pure un bammocciu, quesso è viru,

 

ma tantuppiù nesconne a chi sa legge.  15

Frattantu je se ‘ccorcia lu destinu,

‘st’ordegnu (ormai già beccu dellu gregge)  16

 

è festeggiatu tra risate e vinu

par’ a’n muccacciu renzérratu a gogna:

pòle ‘pparì profanu ma è divinu

 

tuttu lo biastimà pe’ ‘lla vergogna!

E allora giù, perdio, senza rispetto,

finché dau còre sciorda arrà l’assogna  17

 

musiche canti e zompi, e l’organetto,

che mòve fa le cianche ‘ndemonniate,

libberi dau cervellu e dallu petto

 

l’ore più scure, farze e tribbolate.

Sputate focu dalle bocche chiuse,  18

arzateve su stanghe ‘ffusulate,  19

 

battete sui tamburri, e senza scuse

facete tremà’ Poggiu e u vescovatu:

perché a chi ce piegò, nui se respuse!

U   SITU

 

E qui lo legno ‘ncondrerà lu focu,  20

dinanzi au palazzone dell’Assunta.  21

Propio quà addove, stante in quistu locu,

 

la storia ch’è maestra ce reccunta

venivano tajate le capocce;  22

qui, do’ ‘a passione vera oggi respunta.

 

Doppu svotate ‘e palle co’ ‘e saccocce

s’hau reddrizzata ‘a schina e co’ raggione,

e ciò ch’abbrucia… parenu bammocce,

 

ma propiamente è u prete e lu patrone!

Qui deve ardì l’embrema d’arroganza,

fòra dall’arcu ormai senza portone,

 

citata ‘n capu alla testimognanza.

Perché doppo quill’arco e drendo u burgu

reggira tanta vita che n’avanza:

 

llì le priggioni, pe’ ‘nfossà’ lu surgu  23

tra l’arda podestà che dà condanna

e lu pezzente sderenatu e curgu;  24

 

l’arroccamentu, llì, de chi commanna  25

e u Circolo deu libberu penzieru,  26

mercatu e Società, che ce remanna  27

 

a un popolo gajardo, tosto e fiero,

forse anche grazzie a certa vetreria…  28

forgia d’un catechismo veritiero.

 

Ma au Papa-Rre co’ l’arda gerarchia

non je sconfinferava ‘llu progresso

de chi da bassu mejo comparìa,

 

neganno ‘a condizzione dell’oppresso.

Così chi c’éva ‘e terre: ebbe paura  29

de non trovà’ più ‘e  braccia de lu fesso.

 

Tanti tremorno a quella vista scura!

Giranno tra la gente ‘st’aria nòva,

studiorno bene a quarche restrittura

 

tantu così pe’ metteli alla prova;

lascianno l’andre (che pure fanno male),

se toccò ‘n tasto che roppétte l’ova:  30

 

non se potéa più fa’ lu carnevale.

Fusse cascatu u munnu, terra addosso…

ma chi negava o ride…che criminale!!

U  FOCU

 

U sole cala, e l’aria che s’arroscia

profuma deu sapore della vita,

spannènno festa su ‘gni cosa moscia;

 

l’ora se ‘llunga e pare mai fenita

ché rembarzanno da ‘n cantone a ‘n pizzo

scivola senza pisu tra le dita.

 

Ormai scallatu o sangue, paru a ‘n tizzo,

rebbolle come ‘a schiuma neu callaru

prontu a remette mò, ‘mbriacatu mizzo,  31

 

un giornu come quistu anticu e raro;

e focu porta focu, e dritto e storto

(come potrebbe disse dorge e amaro)

 

chi de ‘lli dui se sarva ‘nterra u morto.

Pe’ questo tutti su u bammocciu a stregne  32

sapènno bene chi starrà neu torto.

 

Ormai la gente se redduce a gregne:  33

come ‘na forza ch’è decisa a tutto

vòle sburtì dall’animu le fregne.  34

 

Demoje focu a quissu farabbutto!

Focu a pulì la nèfa e lo maligno,

sciojennoje lu còre come o strutto.

 

Che u focu bruci u mmascaru caprigno!”  35

Chi para qua e chi para llà, a tenilla

tanta marea dall’impeto sanguigno

 

che tocca pure ‘ccènne la scintilla,

sinnò se sbraga Poggio e la Sabbina.

‘Rriva u momentu che la gente strilla

 

quanno lu sardarellu, come ‘a strina,

per ogni buciu passa e te reggèla

correnno sulle coste della schina;  36

 

‘ttacca lu ballu e, a quella tiritèla,

una pantasima ‘ngrifata e lesta

fenisce tra li scoppi e se sfracèla

 

brucianno tutti i panni della vesta.

Eppure ‘a strollicona mai se mòre,

resuscitanno pe’ poté’ fa’ festa.

 

Ma l’urla è ormai un corale batticòre

come un tamburru prima de ‘a sentenza:

“U guastu deve ardì drendo e de fòre,

 

per un giudizzio che ce dà licenza  37

de libberà Carnevalone dalli lacci

e mette a bando ‘gni schifosa lenza.  38

                         

‘Ppiccia lu focu! Che perdio li stracci  39

‘sta vorda a issu je sarràu abbruciati.”

Viè’ da penzà’ che forse a ‘sti poracci

 

j’abbasta de sapé’ che consumati  40

so’ stati li precetti dissacranti,

che fanno onore e vanto all’antenati.

 

Mommò ce sémo: scrocchiano i furminanti,

‘vvampa de rusciu, giallu, paonazzu,

lingue de focu come scudiscianti

 

addossu e senza requie a ‘llu pupazzu…

eppoi faville libberate in ogni verzu

schioppanu sperticanno  ‘stu fraccazzu;

 

niciunu, finacché non è reverzu,  41

fenisce de dà fiatu a tanta furia:

che come un innu s’arza sù, nell’univerzu!

CHIUSA

 

Itu è u giornu che pareva eterno

tant’era u tempu che se restrignéa;  42

e u diavulu sbucianno dall’inferno  43

 

‘nsieme a ‘n gran tanti ‘st’oggi ne ridéa.

Perché, pe’ dilla tutta, la raggione

per cui ‘st’anniverzario se recréa,

 

parte daddove a certa religgione

(ch’era potere nonché chiesa e stato)  44

rebbatte contro un’andra d’oppinione:

 

se un omo è libbero da ché etè nato

come bestiola sulla terra matre,

che c’entra ‘a signoria de u papato?

 

O i nobbili patrizzi o ‘e mani latre

ch’eranu bbone solamente a mogne?  45

Avevi voja a suppricà’ Diopatre!

 

Sia u scettru che ‘a tiara stau per ogne…  46

tantu che l’ubbidienza s’abbozzava,

sinnò gonfiavi come le zampogne.  47

 

Così come Lucifero sbottava  48

(tant’è che lu cacciorno p’èsse’ tristo)

quippe da nui non po’ se biasimava

 

pe’ via che se teneva o sangue pisto,  49

l’ossa strafusse e o fièle tra li denti;  50

chissà, s’arretu peggio s’era visto.

 

Eppure furono quissi i delinquenti   51

ch’ebbero porzo tantu pe’ di’ basta,  52

ché quanno smafarornu li potenti  53

 

volleru falli ardì su ‘na catasta;  54

non pe’ cattività, ma pe’ memoria,

alla genìa che pure etè remasta

 

se vòle fa’ revive quest’istoria:

più se restrigne libbertà e diritto,

più la riscossa sventola vittoria !!  55

NOTE

 

1)  Prima dell’Unità d’Italia.

2)  Figurativamente la piazza come tribunale del popolo.

3)  Caratteristica di questa rievocazione è la provocazione anticlericale, pertanto proprio nel periodo di quaresima.

4)  Straccia per straccione, di pèoco conto, ridotto in malo modo.

5)  Raccolse, raggruppò.

6) Il clero, non proprio nel modo più ortodosso, avrebbe voluto annullare il carnevale.

7) La chiesa di S.Rocco che, entrando in piazza, resta alle spalle. Ma parrebbe quasi che il cane si rivolti, abbai e aggredisca, a questa processione non propriamente religiosa.

8)  Non è esclusa una certa curiosità del Padreterno, benché non è certo da questa gente che si aspetta omaggi.

9)  I salterelli (zeppe) del meccanismo del torchio sono tolti, vale a dire della buona tolleranza dell’Onnipotente; lasciare andare, per l’occasione, la pressione esercitata sul creato.

10) La figura del serpente (antropomorfa) a significare il tempo.

11)  Fregnu è la figura generica, qui il bamboccio di cartapesta.

12)  Come chi deve sottostare, dipendere dal volere…..

13)  La Credulità per la Ragione.

14)  Un giudizio di condanna radicale.

15) Dietro la simbologia c’è altro.

16) Becco, capro espiatorio, in questo caso, come negli antichi riti propiziatori.

17) Finché il sentimento si libererà, (sciogliendo il grasso…del cuore, che lo comprime. Proverbiale.)

18)  I mangiafuoco ( per dire del parlare con forza, calore).

19) Alzarsi sui trampoli (quasi, figurativamente, ergersi più in alto della condizione concessa).

20) Il luogo dove il fantoccio brucerà.

21) La chiesa cattedrale dedicata a Maria Assunta.

22) Si procedeva alla decapitazione.

23) Le prigioni.

24) Scavare sempre di più il solco tra il forte e il debole.

25) Il palazzo vescovile.

26) Il circolo anarchico.

27) La società di mutuo soccorso.

28) Sulla vetreria, un discorso a parte (….)

29) I possidenti terrieri (….)

30)Rompere le uova nel paniere, ma anche i coglioni.

31) Remette, vomitare l’abbondanza della festa.

32) Tutti affluiscono sul luogo dov’è il fantoccio.

33) Si compatta.

34)Vuole liberarsi dall’animo tanto peso.

35) Capro espiatorio.

36) Come il vento (Ustrina=Bora?), corre sulla schiena un brivido

37) La licenza è il permesso accordato perché si faccia questo carnevale.

38) Il bando rievoca l’usanza incriminatoria del potere assoluto. E’ sempre la povera gente ad avere la peggio.

39) Proverbiale: sono sempre gli stracci che vanno per aria. E’ sempre la povera gente ad avere la peggio.

40) Consumati (…..)

41) Finché non è rovesciato a terra, caduto.

42) Il tempo storico riassunto.

43) I diavolo è protagonista tanto che, uscendo dall’inferno, anche lui si diverte. La contrapposizione Patreternu-Diaulu sembra non stonare, nel contesto.

44) Lo Stato Pontificio ma anche religione per se stessa.

45) Capaci soltanto di mungere le sostanze.

46) Il potere temporale e religioso ungono, usano repressione.

47) Altrimenti eri punito.

48) Lucifero come il popolo ribelle, non ne poteva più.

49) Sangue malsano, altrimenti, pestati a sangue.

50) Le ossa indebolite e l’amaro in bocca della bile, la rabbia.

51) Delinquenti in quanto era considerato delitto sacrilego  rivoltarsi alla Chiesa o al Principe.

52) Ebbero polso, determinazione.

53) Smafarornu: ruppero il muso.

54) Vollero che il fuoco purificasse i misfatti sul rogo.

55) Liberare Carnevalone sta per “rivendicare”, ribellandosi a chi vuole ridurre l’uomo a strumento passivo, l’azione partecipe; portandola, come nel caso, fino agli estremi deliranti. Una sfida.