Er tatto de le Sabbine

Quann'ebbe fatto fora su' fratello
pe' via de lo sfottò che c'era stato,
Romolo se pentì, buttò er cortello
e sbottò a piagne come un disperato.

Ma un suddito, bulletto come lui,
jè fece: "Nun sta a fa' quella manfrina,
mo che te piagni, l'antenati tui!
Remo morì pe' volontà divina.

Piuttosto, a Romolè, qui ammazza ammazza
da quanno è nata Roma, li romani
nun fanno che calà. Sta pora razza
si 'n provedemo va a finì a li cani!

Perciò, si tu ce dai l'approvazione,
'sta sera stessa empimo le cupelle
eppoi partimo pe n'esprorazione
cercanno de razzià 'n po' de zitelle".

"St'idea me piace!" disse seriamente
er Re de Roma, "Ma in democrazzia
quello che dite voi nun conta gnente,
quà se fa solo la volontà mia!"

"Eppoi quelli che rubbano de notte
nun ponno ricapà tra queste e quelle,
specie cor fuggi fuggi, strilli e botte,
e benchè racchie, poi, tocca tenelle".

"invece, già da 'n pezzo ho preparato
un certo piano che, parola mia,
si m'arisorte, ve lo do scontato,
potremo sceje a gusto e simpatia".

"Siccome le più belle e rinomate
de 'sti paraggi so' quele Sabbine,
perché fanno li fiji a barrozzate
eppoi, ...sanno fa' certe fettuccine!!"

"Noi che te famo?!... Verzo fine mese
che tutti quanti cianno più quatrini,
damo 'na festa e, da Passo Corese,
'nvitamo a Roma tutti li sabbini.

Passata Farfa lì a Ponte Sfonnato,
puntate dritti verzo Colonnetta,
a li Granari ripiate fiato,
fermateve e ve fate 'na fojetta.

Poi seguitate su pe' Casinove
indove che farete la scoperta
de 'n panorama che pè' quer dio, Giove,
ve fa rimanè tutti a bocca operta!

A dritta la magnifica vallata
der Farfa che serpeggia tra le fratte,
a manca 'no spettacolo de fata:
la valle teverina cor Soratte!!

"C'è 'n'aria, poi, così friccicarella
che t'aricrea la mente e li pormoni,
te fa venì un languore a le budella
che magneressi puro li bastoni!

Però er viaggio ancora n'è finito,
dovete arivà 'cima a la collina
'ndove ce sta Montopoli ch'è 'n sito
mejo de tutta quanta la Sabbina!

E li dateje sotto co' l'inviti:
donne sposate, vedove, zitelle,
bardasci, padri, soceri e mariti:
dite che famo pranzi a crepapelle.

Dite che ce sarà 'na commissione
de giudici, cor sottoscritto in testa,
che assegnerà sei pecore e un montone
a la più bella donna de la festa.

Le donne so' senzibbili a 'ste cose,
e quanno, poi, c'è da sfilà in parata,
dato che so' 'n pochetto vanitose,
pianteno tutto e parteno in picchiata.

Poi er giorno de la festa, ar baccanale,
quanno ch'er vino annebbia er sentimento,
guardate a me che ve farò un segnale
e voi comincerete er rapimento.

Capate le più belle ma ... prudenza,
chè l'ommeni, lassù, so' tutto core,
ma se t'azzardi a fa' 'na prepotenza
sanno menà de ronca e de tortore!".

               * * * * *
Certo su 'n'azionaccia da briganti
tradì la bona fede a 'sta maniera;
ma la pagorno cara perché tanti
rimasero strippati li pe' tera.

Com'agnede a finì? Finì benone
perchè i romani, pori ciurcinati,
sicuri d'avè fatto un affarone
rimasero contenti e ... cojonati.

Defatti, quelle, doppo avè fiutato
che l'aria n'era poi tanto cattiva,
dissero: "Grazzie, chi ve cià mannato?
ARMENU QUA' NON RECOGHIEMO A LIVA!!"

Benchè trattate co' tutti l'onori
tirorno fora l'ogna e l'aroganza
ar punto ch'ai potenti rapitori
je misero li piedi su la panza.

Lo stesso Romoletto, Re de Roma,
parlanno de la moje co 'n parente,
je confidò: "Sta vipera me doma!
Ammazzela si quanto è propotente!".

Ma come in tutti i casi de la vita,
appena ch'è passato er temporale
risorte fora er sole che ce 'nvita
a ride puro a chi cià fatto er male.

Così quanno nascerno i regazzini
sparì de botto l'odio e fu 'na gara
tra li parenti villici sabbini
a incamminasse pe' la Via Salara.

Giunti che furno sopra ar Pallatino,
abbracci, baci, quarche piantarello;
chi se strigneva ar petto er nipotino,
chi er patre, chi er cognato, chi er fratello.

Così fu fatta la concijazzione,
e doppo tanti secoli de storia,
oriundi e no, nun perdono occasione
pe' ritornà ar paese a fa, bardoria.

E speciarmente, poi, pe' San Micchele,
ch'è festa der Patrono Protettore,
Montopoli diventa 'na babbele
de gente de 'gni razza e 'gni colore.

Ma la donna sabbina co' quel tatto
che domina 'ndo sta più confusione,
è sempre quella der famoso ratto:
capace de domà puro Nerone!!

 

 

 - Settimio Giannini -